Oli vegetali, oleoliti ed oli essenziali in autunno

Gli oli vegetali (ed oleoliti) nonché gli oli essenziali possono essere di estremo aiuto per contrastare la caduta stagionale e promuovere la crescita capillare.

Vediamo un po’ come.

Oli vegetali

Abbiamo già visto come la tecnica dell’inversion method o inversione capillare, che vi invito a leggere, possa servire a stimolare la crescita capillare ed abbiamo precisato che la stessa può essere eseguita anche utilizzando oli vegetali puri od oleoliti.

Vediamo quali oli sono più indicati per stimolare la crescita capillare e che possono essere applicati in cute con un leggero massaggio per attivare la circolazione (ovviamente su capelli asciutti, visto che si parla solo del cuoio capelluto).

  • Avocado: ricchissimo di vitamine (A, B6 ed E), acidi grassi essenziali, proteine, minerali e di antiossidanti che stimolano l’afflusso di sangue ai follicoli del capello, oltre ad essere favoloso per nutrire e riparare il capello, contribuisce a stimolarne la crescita,
  • Cocco: stimola la crescita capillare e come abbiamo visto è un olio caratterizzato dalla presenza di acidi grassi saturi, adatto a tutte le tipologie di capello,
  • Enagra: gli acidi grassi essenziali presenti in quest’olio sono eccellenti nel trattare i disturbi della cute, cuoio capelluto compreso, rappresenta quindi un valido aiuto per prevenire la perdita di capelli causata da scarsa circolazione,
  • Jojoba: per la perdita dei capelli, è uno dei migliori oli vettori, Zago ne sconsiglia l’utilizzo come impacco sui capelli perché molto ceroso,
  • Oliva extravergine: contiene importanti sostanze antiossidanti che aiutano a contrastare l’azione di un ormone, il diidrotestosterone (DHT), che sembrerebbe essere responsabile del restringimento del follicolo dei capelli e causa della caduta capillare,
  • Ricino (solo per chi lo tollera, visto che si tratta di un olio estremamente vischioso e pesante, poco tollerato): contiene acido ricinoleico, che agisce come agente antibatterico e antimicotico, ideale per prevenire le infezioni e le micosi del cuoio capelluto ed agevolare la crescita capillare, si consiglia di mischiare ad altro olio per agevolare l’utilizzo, sembrerebbe che la versione extra dark, ricca di ceneri, sia più indicata per stimolare la crescita capillare (potrebbe avere effetto scurente su capelli chiari),
  • Semi di canapa: Frizionatelo ogni giorno sulla cute nel caso di dermatiti ed eccesso di sebo, forfora e crosta lattea nei più piccini; nel caso di capelli secchi o sfibrati, utilizzatelo come rivitalizzante. Rimuove il sebo in eccesso, nutre e protegge i follicoli e stimola la crescita.
  • Semi di zucca: dalle note proprietà vermifughe e per l’azione benefica contro infiammazioni, si rivela utile nella lotta contro l’alopecia e la caduta di capelli,
  • Sesamo: estremamente consigliato nella tradizione Ayurvedica perché ricco di lignani, che aumentano l’efficacia della vitamina E, ottima per i capelli, si rivela ottimo per far crescere capelli scuri e lucenti,
  • Vinaccioli: ricchissimo di polifenoli, antiossidanti, ideale per il trattamento dell’alopecia, è l’olio per eccellenza che Zago consiglia come impacco pre shampoo perché molto leggero ed adatto a tutte le tipologie di capello;

 

Oleoliti

La menzione d’onore la merita senza dubbio l’olio di Amla Khadì, che è in realtà un oleolito, che dosa sapientemente oli vegetali ed erbette ayurvediche.

Vi riporto l’INCI completo: helianthus annuus (sunflower oil)*, emblica officinalis (amla), eclipta alba (bringaraj), bacopa monniera (brahmi), cyperus rotundus (nagarmootha), symplocos racemosa (lodhra), ocimum sanctum (tulsi), azadirachta indica (neem), sesamum indicum oil, prunus amygdalus dulcis oil, lawsonia inermis (henna), cinnamomum camphora (camphor), onosma hispidum, tocopherol (vitamin e), linalool**, limonene** (* da agricoltura biologica certificata, ** naturalmente contenuti negli oli essenziali).

Si tratta di un olio semplicemente favoloso che promuove la crescita capillare, previene l’ingrigimento e la forfora e, grazie alla presenza dell’amla, che è la miglior fonte di Vitamina C disponibile in Natura, rinforza e nutre le radici del capello prevenendone la caduta.

Senza considerare che l’Amla, come abbiamo visto nell’articolo apposito che vi invito a leggere, è un condizionante naturale per i capelli, le cui proprietà benefiche sono conosciute da secoli in India, in grado di rendere la chioma morbida, luminosa, migliorarne la corposità e prevenire le doppie punte.

Sempre secondo l’Ayurveda, l’Amla avrebbe proprietà rinfrescanti che aiutano a prevenire l’eccessivo riscaldamento del cuoio capelluto, una delle cause della caduta dei capelli e delle infezioni cutanee,

All’amla si abbinano poi altre erbe ayurvediche che come abbiamo visto sono estremamente efficaci nello stimolare la crescita dei capelli e nel prevenirne la caduta, inclusi Brahmi e Bhringaraj.

Altro oleolito molto interessante è il cosiddetto olio di rosmarino, tra i migliori per stimolare la crescita, poiché agisce stimolando il processo di produzione di nuovi capelli, concorrendo anche a frenarne l’invecchiamento prematuro. Per sapere come realizzarlo vi invito a leggere il post specifico.

Gli oli essenziali

Anche gli oli essenziali possono essere d’aiuto per contrastare la caduta stagionale e promuovere la crescita.

Particolarmente interessanti in tal senso, sono i seguenti oli essenziali:

  • Alloro: stimola l’attività dei follicoli piliferi e rinforza i capelli alla radice,
  • Arancio dolce: molto ricco di limonene, permette di regolare il sebo dei capelli, da proprietà battericide e calmanti, da utilizzare con cautela,
  • Arnica: previene la caduta dei capelli e i lievi problemi di alopecia e forfora,
  • Basilico: migliora le condizioni generali del cuoio capelluto, stimola la circolazione sanguigna e la crescita capillare, rinforza i capelli deboli,
  • Bay Saint Thomas: noto per le sue proprietà anti-infettive, antiparassitarie, stimola la crescita capillare,
  • Camomilla: ottimo contro il prurito del cuoio capelluto, causato da un’eccessiva secchezza della pelle, lenisce le irritazioni utili per chi soffre di psoriasi e forfora, , ideale per i capelli chiari,
  • Carota (semi): ricchissimo di betacarotene, vitamine (A, C, B1, B2) ed acidi grassi essenziali, è noto per le sue fantastiche proprietà rivitalizzanti per la pelle matura, è ideale per il trattamento dei capelli danneggiati e per stimolare la crescita,
  • Cedro dell’Atlante: previene la caduta dei capelli e svolge una potente azione rivitalizzante,
  • Geranio: rinforza i capelli deboli e fragili, aiuta a normalizzare la produzione di sebo,
  • Ginepro: dalle note proprietà antisettiche e curative sui capelli, viene utilizzato in caso di dermatosi del cuoio capelluto, è rivitalizzante e restituisce brillantezza ai capelli,
  • Lavanda: dalle note virtù calmanti, ideale per il cuoio capelluto delicato e per i capelli stressati da agenti atmosferici, stimola la crescita capillare,
  • Limone: stimola la crescita capillare, lucida e profuma il capello,
  • Menta piperita: stimola il microcircolo contribuendo a contrastare la caduta capillare,
  • Mirra: adatto in caso di cuoio capelluto sensibile, aiuta a rinforzare i capelli fragili ed a combattere la forfora secca,
  • Nard: noto nella tradizione Ayurvedica per le sue proprietà nella cura delle pelli problematiche e per promuovere la crescita dei capelli,
  • Pompelmo: stimola la crescita capillare, aiuta a contrastare la produzione di sebo,
  • Rosmarino: cura e deterge la cute in profondità, alleviando le dermatiti e la forfora grassa, previene l’ingrigimento dei capelli, ottimo stimolante e rigenerante della fibra capellare, per il trattamento naturale dell’alopecia areata (può scurire i capelli chiari),
  • Salvia: ha note proprietà anti fungine ed antibatteriche, ha azione lenitiva, favorisce la crescita del capello (può scurire i capelli chiari),
  • Tea three: purifica, pulisce e tonifica il cuoio capelluto, utile in caso di capelli e cure grassa,
  • Zenzero: potente azione anticaduta per la sua capacità di stimolare la circolazione locale (può essere irritante per la cute),
  • Ylang Ylang: stimola l’attività del bulbo pilifero, ha proprietà rilassanti, tonificanti e lenitive, utili nel trattamento della cute grassa e di un cuoio capelluto stressato.

Precauzioni importanti

Conservazione: tutti gli essenziali sono sensibili alle radiazioni UV ed all’evaporazione progressiva dei loro componenti. Si consiglia di conservarli pertanto in una bottiglia di vetro scuro od alluminio sigillata, ad una temperatura compresa tra 5 ° C e 40 ° C.

Utilizzo: gli olii essenziali sono potenzialmente altamente allergizzanti, come spiega correttamente Zago nel forum EcoBioControl, è quindi necessario prestare estrema cautela nel loro utilizzo, perché possono determinare un rischio di allergia a determinate persone sensibili anche nei dosaggi previsti per legge.

Come regola generale, si consiglia sempre di eseguire una prova di applicazione della preparazione cosmetica che li contenga o di poche gocce di olio essenziale puro mescolato in un olio vegetale (vettore), nell’incavo del gomito, almeno 48 ore prima dell’utilizzo.

Evitare in assoluto il contatto con gli occhi, tenere fuori dalla portata dei bambini, evitare in assoluto di utilizzare nel primo trimestre di gravidanza,

Evitare durante i primi tre mesi di gravidanza, ed utilizzare nei successivi od in allattamento solo su prescrizione del ginecologo, visto che gli o.e. passano attraverso la cute all’interno dell’Organismo ed al feto, pertanto sarebbero in via precauzionale da evitare.

Prestare attenzione inoltre al fatto che alcuni oli essenziali (è ovviamente indicato sulla relativa scheda) sono dermocaustici (zenzero, limone e cannella in modo particolare) e non andrebbero mai utilizzati da soggetti sensibili, neppure in cute.

Evitare in assoluto di utilizzare oli essenziali puri, gli stessi andrebbero veicolati in un olio vettore (olio vegetale a scelta).

Poche gocce di olio essenziale (due-tre) possono essere aggiunte ai nostri impacchi, compresi quelli a base di erbette ayurvediche e di hennè.

Oli vettori

Come detto, gli oli essenziali sono liposolubili, ossia si sciolgono nei grassi e devono essere veicolati in oli vegetali, cosiddetti vettori che hanno, infatti, sia  la capacità di veicolare gli oli essenziali, favorendone l’assorbimento, sia la capacità di nutrire pelle e capelli.

Generalmente, sono utilizzati quali oli vettori, per cute e capelli:

  • Avocado,
  • Argan,
  • Cocco,
  • Enotera,
  • Germe di  grano,
  • Mandorle dolci,
  • Neem,
  • Nocciola,
  • Oliva extravergine,
  • Semi di canapa,
  • Semi di girasole,
  • Semi di lino,
  • Sesamo,
  • Vinaccioli.

Info tecniche dai siti di materie prime cosmetiche

 

Annunci

11 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...